Italiano  English  Россию  中文
Vallecchi Stile
«Credi nella bellezza dei tuoi sogni ed essi ti apparterranno». Livio Sgarbi

Stilografica Arti Maggiori di Firenze

La nascita delle Arti, corporazioni di mestiere sorte a Firenze tra la fine del XII e l’inizio del XIII secolo, favorì in larga misura lo sviluppo della vita economica, politica e sociale della città attraverso la tutela delle professioni specialistiche e la valorizzazione del lavoro artigianale.
Arte intesa come mestiere dunque, ma soprattutto come creazione di bellezza e di capolavori immortali: alle Arti Maggiori infatti si iscrivevano anche i pittori e i poeti, come dimostrano gli esempi di Giotto e Dante Alighieri.
Lo splendore di Firenze nel Medioevo, la ricchezza materiale e artistica di questa città – che ancora oggi è considerata unica al mondo – hanno avuto inizio proprio dal sorgere delle Arti Maggiori, dalla forza irresistibile generata dall’unione tra il fare e il creare, il lavoro e l’arte, la manualità e la bellezza.

Il monumento simbolo delle Arti Maggiori era il palazzo di Orsanmichele, posto a metà strada tra la sede del potere politico – il Palazzo della Signoria – e quella del potere religioso, rappresentato all’epoca dal Battistero di Firenze. Edificata nell’VIII secolo al posto di un oratorio femminile, la chiesa di San Michele in Orto cambiò nei secoli struttura e soprattutto destinazione, passando da tempio religioso a tempio civile, accolse anche un mercato e fu deposito di granaglie. Dal XV secolo fu adornata dalle statue e dagli emblemi delle maggiori Arti cittadine, scolpiti da artisti quali Donatello, Ghiberti, Verrocchio e Giambologna, e divenne per sempre – come ha detto giustamente Antonio Paolucci – «il Tempio del Lavoro».

La cuspide del cappuccio presenta lo Stemma dell’Arte dei Giudici e Notai come scolpito sulla facciata di Orsanmichele a Firenze. Vallecchi l’ha scelto come emblema per celebrare la grandezza delle Arti Maggiori.

Caratteristiche tecniche:

La naturalezza e forza dell’ebanite rimandano per loro natura alla storia delle arti manifatturiere e della gioielleria, mentre sono i dettagli raffinati e le linee essenziali a rendere la stilografica delle Arti Maggiori sofisticata ed elegante.
Usata fin dal 1843 per la fabbricazione di penne stilografiche, col tempo dimenticata e oggi sopravvissuta solo nella memoria di antiche tecniche artigiane, l’ebanite è infatti un esplicito richiamo alle radici stesse della fabbricazione delle penne e Vallecchi ha scelto di recuperala proprio come elemento esclusivo di questa stilografica.

- La stilografica delle Arti Maggiori è realizzata in ebanite rosso-nera.
- Le parti metalliche sono in oro rosa 18Kt o argento 925 palladiato.
- Il pennino in misura M è in oro rosa 18Kt, rodiato nella penna in argento.
- Il caricamento è a pistone.
- L’anello del fusto presenta un lapislazzuli romboidale;
- gli anelli del cappuccio, del fusto e il codino, un’incisione di piccoli rombi.
- La clip porta inciso il logo Vallecchi.

Tiratura: L’edizione in argento è di 450 pezzi, quella in oro è di 50 pezzi.

Richiesta Informazioni

Nome e Cognome / Ragione Sociale *:

Telefono / Cellulare*: E-Mail*:

Indirizzo: Città:  

Professione:

Note:

Cliccando sul pulsante "Invia Richiesta" dichiara di aver letto e accettato la seguente informativa sulla privacy: La Vallecchi Spa Le comunica che i Suoi dati non saranno comunicati ad altri soggetti, né diffusi. Ai sensi dell’art. 13 D.Lgs. n. 196 del 30/06/2003, i dati da Lei forniti verranno trattati per inviarLe materiale promozionale e per informarLa su offerte commerciali riservate. Il trattamento avverrà in maniera automatizzata e non. Ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. 196/2003, potrà sempre verificare i Suoi dati, aggiornarli, modificarli, integrarli, cancellarli e opporsi all’invio di comunicazioni commerciali rivolgendosi a: Vallecchi 1903 S.r.l., via del ponte all'asse 7 - 50144 Firenze (Fi) - dati@vallecchilusso.com

i